Antiquarius caratteristiche

Acquisizione oggetti: al momento della creazione del nuovo oggetto , il programma gli attribuisce automaticamente il numero progressivo del registro di Pubblica Sicurezza.L’operatore, oltre agli estremi del documento di acquisto, inserirà il costo dell’oggetto con la relativa aliquota Iva e l’indicazione se l’acquisto è con fattura o meno. E’ possibile clonare oggetti simili inserendoli una sola volta : questo serve nel caso in cui si acquistino più oggetti con le stesse caratteristiche, i quali dovranno poi essere venduti separatamente (es. due comodini). La procedura provvede ad assegnare un codice progressivo per ogni singolo oggetto creato. Parimenti esiste la possibilità di tenere riuniti più oggetti da vendere insieme (es. quattro sedie). In questo caso gli oggetti faranno parte di un unico lotto.

Acquisizione costi aggiuntivi: Eventuali costi aggiuntivi possono essere registrati in fase successiva all’acquisto discriminandoli per Spese di Trasporto , Spese per Diritti d’Asta, Spese di Restauro, Altri Costi (es.: tappezziere)

Vendita oggetti: Per agevolare la determinazione del prezzo di vendita e del conseguente ricavo, vengono visualizzati il costo d’acquisto dell’oggetto e la somma dei suoi costi aggiuntivi.

Registro di Pubblica sicurezza (Commercio Antichità): Questo documento (che sostituisce il registro manuale) registra cronologicamente i movimenti di entrata e di uscita degli oggetti d’arte. Il registro deve essere preventivamente numerato e successivamente vidimato dalla questura. A questo provvede la procedura. Il registro può essere prodotto in qualsiasi momento senza alcuna limitazione.

Stampa cronologicamente tutti i movimenti di carico e scarico secondo il numero d’ordine attribuito, le generalità dell’acquirente o del venditore, il tipo di operazione (acquisto o vendita), la descrizione dell’oggetto ed il prezzo pattuito. Nel registrare la vendita vengono utilizzati e stampati come riferimenti l’anno e il numero d’ordine del cronologico di acquisto dati che permettono il controllo incrociato da parte del verificatore.

Registro del margine: Il metodo per determinare l’Iva da versare dell’oggetto d’arte consiste nel sottrarre, al momento della vendita, dal prezzo praticato quello di acquisto e quello di eventuali costi aggiuntivi relativi a trasporti, restauri, diritti e altro. Dal risultato di questa sottrazione viene scorporata l’Iva che verrà poi cumulata con le altre vendite ai fini della determinazione dell’Iva da versare.

Liquidazione d’imposta: La procedura provvede a calcolare la liquidazione Iva del periodo secondo il regime del margine.

Gestione magazzino: E’ un magazzino particolare in quanto, tratta di oggetti unici, che una volta venduti escono per non rientrare più. Le immissioni delle operazioni di carico determinano quindi la genesi, mentre quelli di scarico la fine dell’oggetto.

Stampe di servizio: Lista generale oggetti, Etichette, Lista scheda del bene, Lista oggetti non venduti, Lista clienti / fornitori